E’ stato assegnato a Robert Cavalli il Sì Sposaitalia Award: la sua collezione porta il senso del palcoscenico nelle robe de chambre in raso, in velluto, in seta, nei colori lucidi e nella scelta del bianco. Sedici look celebrativi, importanti, orgogliosi anche nelle linee fluide e scivolate, che si rifanno, per cura nei particolari e per i dettagli, quasi al Rinascimento. In fondo, ci tiene a sottolineare, la sua signature non è così distante dal mood wedding e dal look per gli invitati.

Triple RRR di Robert Cavalli

Triple RRR di Robert Cavalli

A consegnare il premio, la direttrice artistica del Sì White Carpet che motivato la sua scelto affermando che lo stilista ha saputo trasformare “il suo progetto di una linea di prêt-à-porter maschile di alta gamma in una ricerca costante di stile. Un nuovo genere di dandismo che rielabora, con forme artistiche, l’underground e lo streetwear londinesi, osservato durante i suoi studi alla London School of Arts”.

Musani in collaborazione con Gain Carlo Pollastro

Musani in collaborazione con Gain Carlo Pollastro

Grande successo anche per la seconda edizione di questo momento moda inserito nella Milano Bridal Week e fortemente voluto da Simona Greco, Group Exhibitions Director di Fiera Milano, in quanto espressione del moderno e dell’incontro tra la bridal couture e lo stile e i codici della moda cerimonia. Cuore del progetto rimangono savoir faire e stile, declinati secondo l’eccellenza manifatturiera e imprenditoriale che è la caratteristica della moda italiana. Ad avvicendarsi sul palco sono tornate infatti anche le coppie formate da esponenti del mondo bridal che hanno intrecciato il proprio lavoro e le proprie creazioni con le idee innovative e moderne dei nuovi talenti sulla scena del fashion e del design italiano ed internazionale.

Elisabetta Polignano in collaborazione con Italdenim

Elisabetta Polignano in collaborazione con Italdenim

Una celebrazione del vero Made in Italy quello proposto da Elisabetta Polignano in collaborazione con Italdenim, l’azienda Italiana leader nella produzione di denim sostenibile. Assieme hanno presentato la Capsule Collection Denim Couture Eco: la stilista haute couturier ha scelto di raccogliere questa sfida accattivante, presentando sei abiti dallo stile sofisticato e unconventional. Una capsule collection eclettica, frutto dell’accostamento inconsueto tra un tessuto informale come il denim e la sacralità dei tessuti e delle forme tipiche dell’abito da sposa e da cerimonia.

Bellantuono in collaborazione con Efisio Marras

Bellantuono in collaborazione con Efisio Marras

Per la seconda collaborazione tra Bellantuono e Efisio Rocco Marras hanno re-immaginato il look ceremony in chiave punk: sei abiti unici che giocano con contrasti forti e silhouette decise. I colori sono clashing, fuxia e nero si incontrano e sovrappongono su tulle, ricami, arricci e fiocchi; i volumi sono esagerati, le lunghezze vanno dall’estremamente corto al super oversize. La collezione si rifà al mondo contemporaneo: la principessa non vuole più essere salvata dal principe azzurro, e le favole non sono quelle della Disney ma piuttosto un richiamo alle immagini crude e realistiche dei Fratelli Grimm.

Maria Pia in collaborazione con Davide Grillo

Maria Pia in collaborazione con Davide Grillo

Maria Pia si è affidata alla creatività di Davide Grillo ed è nata “Amore e Psiche”, una capsule collection dedicata all’universo ceremony che trasporta con le emozioni in un mondo passato, riportando alla luce la grande leggenda romantica fra Amore e Psiche. La storia prende forma attraverso impalpabili voile raffiguranti le nuvole d’olimpo da cui si scorge un delicato cupido che volteggia. Anche i delicati taffetá croccanti e scultorei ed i preziosi tulle point d’esprit di cotone ricordano i punti usati da Canova per tracciare le bozze nelle sue grandi sculture dalla bellezza classica e intramontabile come l’Amore.