Professionista del wedding da oltre 10 anni, Melina Mirenghi è la event planner che con discrezione organizza il giorno delle nozze rendendo protagonisti solo ed esclusivamente gli sposi. Con lei, Mia Sposa Magazine ha discusso i trend della stagione invernale.

 Chi è Milena Mirenghi?

“L’organizzazione del matrimonio è la realizzazione dei sogni. E da qui che parte che parte il mio lavoro: comprendere il sogno delle persone che si presentano a me e guidarli con mano verso la concretizzazione di questo. Il mio apporto permette di vivere i preparativi senza stress. Sono decisa, risoluta e diretta. Metto le mie esperienze e competenze a disposizione delle mie coppie progettando per loro allestimenti originali e creativi. Ogni matrimonio è diverso e pertanto ogni evento sarà costruito sulle esigenze degli sposi. Non mi piace essere invadente ma presente in maniera efficace ed efficiente perché i veri protagonisti restano sempre e solo gli sposi”.

Qual è il trend per la stagione invernale?

Trovo l’inverno una stagione piena di opportunità, il periodo dell’anno in cui si può ricreare il calore che manca all’esterno con le ambientazioni interne. Ed in questo gli allestimenti aiutano tantissimo. Importante è scegliere la location che sia adatta e che abbia, quindi, bellissimi ambienti interni anche se negli ultimi anni il clima clemente permette di svolgere alcune fasi del ricevimento all’ esterno. È molto bello realizzare un’atmosfera intima, ricreare quel calore che all’esterno non c’è. Le preferenze degli sposi, negli ultimi anni, sono rivolte ad uno stile Barocco perché con la sua opulenza scalda gli ambienti che potrebbero sembrare freddi. Gli allestimenti si contraddistinguono di decorazioni in color oro, molti candelieri e sfumature calde.

Fiori e composizioni floreali. Quali scegliere in inverno?

Tra i fiori presenti nella stagione fredda preferisco i ranuncoli oltre alle classiche e tradizionali rose, sia italiane che inglesi. Ultimamente lo stile natural ci spinge ad usare il foliage come ornamento anche in inverno: in questo periodo le foglie sono bellissime in quanto ricoperte di una patina che conferisce un aspetto quasi innevato. Un’ambientazione che sposa benissimo il velluto, il materiale top di questa stagione. L’utilizzo di questi materiali rende la mise en place calda e accogliente.

Destination wedding in crescita in Italia ma soprattutto in Campania. Perché?

Gli stranieri amano l’Italia principalmente per i paesaggi e per il clima. I loro matrimoni si concentrano per la maggior parte sulla zona costiera – costiera amalfitana e sorrentina – ma in molti non disdegnano di fare qualche tappa nella città di Napoli, prima un mero un passaggio verso la costiera. Propongo ai miei sposi situazioni alternative: cerco sempre di studiare un itinerario che parte dall’hinterland napoletano e dalla zona vesuviana con ambientazioni caratteristiche e proseguire successivamente con visite agli scavi, alle aziende enologiche del Vesuvio. Ciò che conta per gli stranieri è, non solo vivere il matrimonio nel Bel Paese, ma soprattutto godere dell’esperienza del territorio. Mediamente il matrimonio è strutturato sui tre giorni: una festa di benvenuto, il matrimonio e il giorno seguente con un iter per la città a caccia di quella bellezza e di quelle esperienze legate quindi al nostro territorio e alla nostra enogastronomia.