Se l’abito da sposa è un costume, l’affermazione è due volte vera nel caso del dress in cui rivive lo spirito dell’opera shakespeariana. Il bridal style celebra il poeta immortale attraverso modelli dal sapore cinquecentesco, d’effetto e con dettagli maestosi, per donne che interpretano le nozze come una decisiva ribalta.

Uno stile antico quanto favoloso che mai come in questa stagione è diventato familiare, complice la consacrazione nell’immaginario collettivo di lunghi mantelli, scollature dritte e squadrate, abiti drappeggiati con le maniche enormi, bustier che sembrano pezzi di armature (Game of Thrones, vi dice niente?) a testimoniare che il dress code dell’eroina o della guerriera, se preferite – siamo pur sempre nell’epoca della women empowerment revolution – è un’ispirazione eterna. A ogni donna il proprio sogno di una notte di mezza estate.

Monique Lhuiller

RIVISITAZIONE | Lo stile romanza presuppone una attenzione assoluta per ogni dettaglio. Un must? Le maniche a sbuffo montate su polsini stretti chiusi da lunghe file di bottoni. Il look sovrano per un Sì da celebrare nei castelli o nelle residenze antiche e medievali, dal sapore rustico e lontano nel tempo.

EFFETTO QUADRO | Come in un dipinto da galleria dove al massiccio damasco si sostituisce l’organza leggera. Sguardo altero e pettinatura da regina a completare il look. È l’estetica di Elisabetta Delogu, la stilista sarda i cui abiti incrostati di ricami sono riconoscibili quanto i servizi fotografici che li ritraggono: un universo fatato dove la fantasia non ha limiti da cui le spose possono attingere idee a piene mani.

Anne Berge

TUTTE PAZZE PER LA GORGIERA | La versione più sofisticata e appariscente del colletto, le moderne gorgiere sono in tulle morbido e ingentiliscono con grazia il collo della sposa. Una soluzione molto glamour per l’inverno.