Un casolare in campagna a pochi – o tanti – chilometri di distanza dalle luci e dalle strade della città è la location perfetta per celebrare l’amore insieme a pochi, affezionati ospiti. Una cerimonia intima comincia proprio dalla scelta del giusto contesto dove ambientare il proprio giorno speciale e l’inverno, che richiede spazi al chiuso, esaltata al massimo le potenzialità di una location calda, accogliente, che sa di casa.

Niente più di una dimora che sa di tempo passato è più adatta per ricreare un’atmosfera familiare, un posto dove l’arredo è vintage, il decor è rustico, la cucina diffonde aromi croccanti nelle altre stanze e la sala del camino somiglia tanto a quelle di cui abbiamo letto nei romanzi. Un vero sogno scambiarsi le promesse in uno scenario simile!

Cosa occorre per un pranzo o una cena di nozze cozy style? Innanzitutto la cascina, il casolare o il palazzetto di campagna che si presenterà alla vista quanto più possibile simile alle sue condizioni originali, eroso dal tempo ma anche estremamente caratteristico. Sarete affascinati dalle pareti, interne ed esterne, che lasciano intravedere i mattoni sottostanti e dall’intonaco delle mura screpolate e macchiate, sfondo perfetto per foto ricordo uniche ed originali. Lasciate che l’ambiente parli da solo intervenendo con gli allestimenti il meno possibile. Privilegiate la scelta di tessuti grezzi per il tovagliato, lasciate il legno del tavolo a vista. Approvata la cristalleria, il vetro colorato, le posate in metallo anticato, frutta di stagione e soprattutto foliageper le composizioni a centro tavola e per i segnaposto.

La luce, naturale ed artificiale, va curata in maniera essenziale. Le candele non saranno mai abbastanza se posizionate nei punti strategici: sulle finestre, sulle mensole, nella postazione camino. Gli angoli suggestivi faranno innamorare i vostri ospiti.  Caratteristica del rustico délabré è l’imperfezione. Meno stirata sarà la tavola, più apparirà incantevole. Meno ricoperta sarà la naked cake, più sembrerà appetitosa. Questo scenario che ci riporta con un piede dentro le epoche passate, impone coerenza fino ai più piccoli particolari: i menu e le targhette a tavola saranno assolutamente calligrafate se non addirittura scritte a mano.

Ph. Serena Genovese