Il 2020 è l’anno del Classic Blue così come decretato dal Pantone Color Institute. Una tonalità di blu intenso che evoca pace e tranquillità, una cromia profonda ed intensa ma allo stesso tempo confortevole e riconoscibile, un blu senza tempo, elegante nella sua semplicità”. E’ il colore del cielo e del tramonto, offrendo la promessa di proteggerci e facendo risaltare il nostro desiderio di avere fondamenta solide su cui appoggiarci e costruire.

“Un blu sconfinato evocativo del vasto e infinito cielo serale, Pantone 19-4052 Classic Blue – ha spiegato ha spiegato Leatrice Eiseman, direttrice esecutiva del Pantone Color Institute – ci incoraggia a guardare oltre l’ovvio per espandere il nostro pensiero, sfidandoci a pensare più profondamente, aumentare la nostra prospettiva e aprire il flusso di comunicazione“. Una scelta che sintetizza così: “Stiamo vivendo in un tempo che richiede fiducia e fede. È questo tipo di costanza e fiducia che viene espresso da Pantone 19-4052 Classic Blue, una tonalità blu solida e affidabile su cui possiamo sempre contare”.

Ma come usare questa tonalità in casa? Scegliere questa tonalità per la propria casa vuole investire il proprio ambiente di una sensazione di calma interiore, motivo per cui è scelto soprattutto per la camera da letto anche nella versione “effetto scatola”, ossia con le pareti dipinte di blu. Usarlo in cucina abbinato al legno ma anche al grigio in quanto si pone come sostituzione morbido al nero e al nero scandinavo per trovare una gradazione intensa ma dotata di respiro e profondità. Per chi non ama azzardare, può sviluppare questo colore con parsimonia usandolo nei piccoli dettagli di casa come Arketipo e Cattelan Italia hanno declinato tale cromia nei piccoli completamenti d’arredo.

ARKETIPO – Auto-reverse

Auto-Reverse, ideato da Giuseppe Viganò, è più di un elegante complemento d’arredo, poiché permette di giocare con la forma e lo stile personalizzando gli spazi in cui viviamo. Ispirandosi ai concetti di connessione e funzionalità, questo divano li interpreta magistralmente. I cuscini sono costruiti con una cerniera che consente di giocare con combinazioni di materiali diversi su entrambi i lati che giocano con i sensi, mantenendo un’eleganza discreta.

 

ARKETIPO – Windsor

Windsor è il divano che fa da protagonista in ogni soggiorno. Dalla vita metropolitana a quella in un castello: in entrambi i casi i nostri bisogni rimangono al centro. Windsor è realizzato a mano e non nasconde né i dettagli né la cura dei materiali per il design di questa collezione unica. Un divano che cattura un modo di vivere, perché il suo stile non è un compromesso per la stanza ma al contrario la esalta.

ARKETIPO – Starman

Ludovica + Roberto Palomba hanno dato vita invece ad una collezione di divani ed elementi modulari dal carattere deciso e grintoso, disruptive che inverte l’ordine naturale degli elementi per creare qualcosa di nuovo. Starman gioca con forme scultoree potenti, quasi scolpite e smussate nei profili, progettate per imporsi nello spazio. Schienali ribassati, linee curve e l’illusione di uno spazio fluttuante: è qui che il design si impone contro le norme, cercando il carattere e il suo unico equilibrio. Starman invita alla ricerca della propria unicità, dell’autenticità, senza nascondersi mai.

CATTELAN ITALIA

E’ la sedia con struttura in acciaio verniciato goffrato titanio, graphite, bianco o nero. Il rivestimento, non sfoderabile, è disponibile in tessuto, nubuck, pelle o ecopelle.