E’ possibile eliminare la cellulite a tavola? La risposta affermativa è il sogno diventato realtà per tutte le donne (e gli uomini) che si sono affidati al metodo Natural Diet, un piano alimentare personalizzato messo a punto della dottoressa Barbara Esposito Vulgo Gigante che, specializzata in dimagrimento rapido, svela alcuni segreti per rimodellare il corpo e migliorare l’aspetto della epidermide partendo dall’alimentazione. L’approccio Natural Diet, infatti, ha tra gli obiettivi quella di migliorare l’aspetto della pelle e attenuare i principali inestetismi quali cellulite e ritenzione idrica.

Cosa intendiamo con il termine “Cellulite”?

Principio fondamentale è conoscere la natura degli inestetismi che noi comunemente chiamo cellulite e pelle a buccia d’arancia. Nello specifico si tratta di un processo infiammatorio del tessuto connettivo, causato da eccesso di zucchero e radicali liberi nella membrana cellulare, stress ossidativo, accumulo di sostanze tossiche.

Quale l’approccio della Natural Diet per combattere la ritenzione idrica? 

Il primo passo da compiere è eliminare il glutine – principio alla base della Natural Diet – in quanto molecola che genera infiammazione e intossicazione. E’ consigliato quindi ridurre il consumo di zuccheri semplici e grassi saturi che generano un aumento delle cellule adipose e di conseguenza rendono difficile il raggiungimento di un buon tono muscolare. Secondo passaggio è eliminare il sale raffinato in quanto, oltre al fatto che sia un prodotto molto raffinato per cui vengono eliminate le tracce di minerali, l’eccesso di sale comporta la ritenzione di liquidi nei tessuti e gli inestetismi della pelle a buccia d’arancia. Questo può essere sostituito con un pizzico di sale rosa il quale è più ricco in minerali ed è meno raffinato per cui sposa bene la filosofia di tale metodo.

Quali sono quindi i cibi che aiutano a migliorare l’effetto buccia d’arancia?

L’aspetto della pelle migliora quando i tessuti son ben vascolarizzati e idratati. I frutti  consigliati per chi soffre di un malfunzionamento del microcircolo sono i mirtilli – ricchi di antocianosidi che rinforzano la struttura dei vasi sanguigni e migliorano l’elasticità delle pareti –  l’uva, ricca anche di flavonoidi utile per l’eliminazione dei radicali liberi mentre e l’ananas grazie al suo contenuto in bromelina. Tra gli agrumi, sono da prediligere arance e limoni sono ricchi di vitamina C e polifenoli che contribuiscono all’eliminazione dei radicali liberi. In generale, bisogna introdurre più cibi con funzione diuretica come ad esempio le verdure crude e ricche di potassio quali: asparagi, cetrioli, cipolle, lattuga, radicchio, carciofi, cavolo cappuccio, cicoria, scarola, ravanelli, porri, rucola, sedano e finocchio.