Beatrice di York una di noi. Non tira una buona aria intorno ai preparativi del matrimonio della secondogenita di Sarah Ferguson e del principe Andrea che a maggio dovrebbe sposare il rampollo di origini lombarde Edoardo Mapelli Mozzi. E qui il condizionale è d’obbligo visti i tanti interrogativi che ruotano intorno all’evento.

Dopo i tanti problemi già affrontati dalla futura contessa – prima lo scandalo che ha visto protagonista il padre, poi l’iniziale opposizione della regina, poi il caso Megxit – Beatrice e Edoardo potrebbero essere costretti a posticipare le nozze a causa dell’emergenza coronavirus. Diversi i motivi che porterebbero all’ipotesi dello slittamento: in primo luogo l’epidemia esplosa in Italia a marzo non garantirebbe la partecipazione degli ospiti italiani della famiglia Mapelli Mozzi; in secondo luogo il coronavirus potrebbe trovare la sua massima esplosione nel Regno Unito proprio a maggio impedendo così, come accaduto negli altri paesi vittima di contagio, il contatto umano ravvicinato.

Una possibilità alternativa potrebbe essere lo spostamento delle nozze in Italia quando tutto sarà finito, ma resta una possibilità improbabile dicono fonti di Palazzo. Edoardo Mapelli Mozzi è di origine aristocratica, il padre è originario della Lombardia ed è un conte. È figlio, infatti, di Nikki Shale e del conte Alessandro Mapelli Mozzi, ex sciatore olimpico che rappresentò Londra nel 1972. Ha fondato la sua società immobiliare, Banda, nel 2007 e ha un figlio, Wolfe, di tre anni.

Intanto, in via precauzionale sono stati cancellati anche I Queen Garden Party, una vera e propria istituzione per la corona inglese che si ripete ogni anno dal 1860, un evento decisamente importante a cui prendono parte circa 30mila persone. Ed è proprio al termine di questo appuntamento che dovrebbero svolgersi le nozze della contessa Beatrice.

Di contro però pare che l’immagine di Beatrice sia decisamente cambiata nelle ultime settimane: complici i gossip e gli scandali di corte, per lei e sua sorella Eugenia sarebbero arrivati quei ruoli lasciati vacanti dal padre Andrea a da Megan e Harry. E’ proprio l’incerta presenza di questi due soggetti a far crescere ancor di più l’interesse intorno a queste nozze. La cerimonia dovrebbe svolgersi, appunto, il prossimo 29 maggio a St James Palace (per il sì) e nei giardini di Buckingham Palace per il ricevimento. Un royal wedding decisamente sottotono a partire dal numero degli invitati decisamente inferiore rispetto agli standard dei royal wedding: pare che gli ospiti anche per ragione di spazio all’interno della cappella siano solo 150. Inoltre, per volontà della sposa non ci sarà la processione in carrozza così come la diretta televisiva. Un’altra differenza rispetto al matrimonio della sorella Eugenia risiede nella parte economica: Beatrice e Edoardo avrebbe finanziato personalmente le nozze.

Emergono inoltri numerosi gossip intorno alla coppia. Per primo il mistero del suocero che non avrebbe ancora conosciuto la futura sposa. La colpa pare sia da imputare a numerosi impegni dello sposo che lo tengono spesso lontano da casa. A rivelarlo è stato proprio il padre del futuro sposo che in quasi due anni, il tempo dell’amore tra il figlio e la principessa, non ha ancora avuto il piacere di conoscerla. “Si conoscono da molto tempo, penso che siano fatti l’uno per l’altra”, ha rivelato il conte nel corso di un’intervista al The Mail On Sunday, spiegando poi la ragione del mancato incontro con Bea, molto più semplice di quanto si potrebbe immaginare.

Mistero inoltre anche rispetto all’ex compagna di Edo, Dara Huang, decisamente molto presente nella sua vita. Stando a sentire le voci di palazzo, il rampollo italiano ha avuto un’intesa storia d’amore con la modella mollata in tronco appena Edoardo ha cominciato a frequentare Beatrice, episodio che descrive il ritratto di una persona arrivista ed ambiziosa agli occhi degli inglesi. Sul fronte dei preparativi arriva inoltre una notizia importantissima: Christopher Wolfie, figlio di Edoardo, sarà il più giovane best man al fianco di uno sposo in occasione di un royal wedding. Né un paggetto né un testimone, ma una figura di supporto allo sposo nel suo momento più importante. Per il resto, tutto è ancora top secret. Per la coppia, niente regali, sono stati loro stessi a indicare delle associazioni benefiche a cui destinare eventuali donazioni.

Bea e Edo, del resto, sono ragazzi discreti, e stanno vivendo i preparativi senza troppi clamori. Nessuna indiscrezione trapela intorno al look della sposa: pare che sia stata avvistata mentre entrava in una lussuosa boutique di Londra, Caroline Castigliano, che potrebbe essere la sua scelta in fatto di abito da sposa. E’ consuetudine per le spose reali inglesi scegliere un designer o un abito made in England proprio per dare il giusto risalto alla moda inglese. Per togliersi di dosso lo scherno che ha da sempre contraddistinto le apparizioni pubbliche, pare che Beatrice sia orientata verso un look semplice ma elegante, raffinato e di classe che ben si accordi con la tiara di York che la regina Elisabetta le avrebbe timidamente consigliato di indossare.

Preparativi minacciati da ogni dove, insomma, stanno mettendo a dura prova la serenità degli sposi a cui non resta che augurare il meglio. E speriamo che questo Sì si riesca a pronunciarlo.